Tecnologia NFC

Tecnologia NFC: il suo biglietto da visita

In molti conosciamo la tecnologia NFCNear Field Communication, ovvero comunicazione in prossimità) capace di far comunicare, a corto raggio (non oltre i 10 cm di distanza), due dispositivi attraverso la connettività wireless.

 

Sappiamo bene che gli ultimi dispositivi in commercio sfruttano questa tecnologia.

Ok, ok, vi starete chiedendo cosa c’entra questa tecnologia con la grafica e più nello specifico con la grafica stampata?
Ebbene, vengo al punto. C’entra e come. Si, c’entra e vi spiego come.

Immaginate di avvicinare il vostro biglietto da visita ad uno di questi dispositivi che montano tale tecnologia e in una manciate di secondi riuscite ad attivare sullo smartphone azioni digitali, come ad esempio il vostro sito web, il vostro negozio virtuale o, ancora, la vostra app scaricabile.

NFC

Ma quello che si può fare con un biglietto da visita con tecnologia NFC non si limita a questo: potete inviare una chiamata, inviare un messaggio, salvare i dati di un contatto con un semplice tocco, trovare indicazioni stradali con Citymapper, ascoltare Spotify, promuovere la propria app e molto altro ancora.

Non hanno una scadenza, il chip con la tecnologia NFC non si vede (anche se si sente appena al tocco) ed è possibile applicare e riapplicare diverse azioni ai biglietti tutto attraverso un semplice tocco su uno smartphone con tecnologia NFC.

Insomma un vero e propio nuovo modo di connettervi in modo digitale e di ampliare la propria rete commerciale.

 

Per maggiori informazioni, preventivi e stampa di biglietti con tale tecnologia non esitate a contattarmi 😉

mappe_585px

(Non) credo ai miei occhi

mappe_585px

Anche in questo articolo vi parlerò delle ultime novità che riguardano la carta.
Ormai l’avrete capito: la carta è il mio argomento preferito, sicuramente, ma questa volta è impossibile non parlarne.

Vi voglio presentare l’ultima novità nata tra la collaborazione tra Merck (azienda specializzata nella produzione di speciali pigmenti) e Rudolf Replofex GmbH (azienda specializzata in packaging ed imballaggio): una nuova tecnica di stampa con effetto 3d.

Con questa nuova tecnica è possibile ottenere stampati con texture che sembrano tridimensionali facendo venire la voglia di toccare con le dita.

3D Evolution, questo il nome di questa nuova tecnica, conferisce un valore aggiunto allo stampato, sia esso una brochure, una copertina di un libro, un biglietto da visita, un packaging o qualsiasi altra cosa si voglia realizzare.

Tecnica da non sottovalutare in quanto  la stampa oggi ha come primo scopo quello di attirare l’attenzione, di far innamorare al primo sguardo. Infatti questa innovazione è rivolta soprattutto a chi ha voglia di trasformare una semplice stampa in qualcosa di unico ed innovativo e soprattutto fuori dal coro.

Daniels3

Inchiostro termo sensibile

Sapevate l’esistenza di inchiostro sensibile al calore?

ebbene esso si può utilizzare anche nella “comune” grafica di tutti i giorni: per una bella ed unica immagine coordinata, per brochure mooolto particolari e per qualsiasi materiale pubblicitario che voglia comunicare tutto ciò che abbia a che fare con il calore e non solo…

Negli esempi qui sotto vediamo come questo inchiostro sia stato utilizzato per il branding di un fotografo.

Quando si prende in mano il biglietto da visita, ad esempio, la laccatura nera scompare e questo fa sì che si creino delle immagini grazie al calore corporeo: la forma delle dita, il palmo della mano… ma le immagini spiegano meglio delle parole.

Ecconeve qualcuna

 

Accarezza

Accarezza e annusa

Abbiamo letto qualche articolo fa, l’importanza della qualità e varietà della carta nei lavori stampati (libri, brochure, depliant e quant’altro).

A tal proposito vi scrivo di una nuova tecnica che usa vernici da sovrastampa profumate. Queste vernici contengono delle microcapsule profumate dal diametro di I mycron; possono essere inserite nella trama della carta e sono compatibili con sistemi ad acqua, solvente e U.V. con più di 100 profumazioni (fiori, frutta, cibo, profumi di ambienti ed odori variSi può profumare qualsiasi supporto: carta, cartoncino, film plastici, tessuti, ammorbidenti, detersivi… inoltre vi è la garanzia che tali fragranze vengono rilasciate anche dopo anni dall’applicazione.

Accarezza

e annusa

 

 

 

 

 

 

 

Ma come funziona praticamente? semplice…molto semplice! Basta toccare il prodotto finale (biglietto da visita, cartolina, tessuto…) accarezzarlo e godersi l’odore.

Quali applicazioni? immaginate un rivenditore di caffè che vi offre il suo biglietto da visita. Voi lo prendete e rimanete sbalorditi dal sentire l’aroma del caffè; lo stesso se si va da un fioraio: biglietto e profumo di fiore; idem per un ristorante, una pizzeria e così via.

Ovviamente il cliente non si scorderà tanto facilmente di voi 😉

tumblr_mbkv8uh4ku1r3p2dto6_r1_1280

Il libro cartaceo nell’era dell’ebook

Immagine

Il libro cartaceo sicuramente non smetterà di esistere ma indubbiamente deve reggere un bel confronto con l’era digitale e quindi con libri digitali.

La sfida si svolge anche con materiali selezionati e molto particolari e con le varie tecniche di lavorazione.

Ciò è dimostrato dal nuovo volume realizzato dalla Fedrigoni (una cartiera molto famosa ed affermata): “16

Tale progetto vuole essere un’iniziativa di stimolo e riflessione sulle varie potenzialità delle carte: bianche, patinate, lisce, con trama, marcate o vergate.

Per realizzare questo volume sono stati coinvolti 16 designe provenienti da tutto il mondo, dando loro un sedicesimo tra le 16 carte diverse.

ImmagineImmaginetumblr_mbkv8uh4ku1r3p2dto6_r1_1280

I designer coinvolti nel PRIMO volume  sono:

Elyron (Torino, IT)
Joost Grootens (Amsterdam, NL)
Rainer Groothuis (Hamburg, DE)
Kameel Hawa (Beirut, LB – Jeddah, SA)
Thomas Manss & Company (London, GB)
Sánchez/Lacasta (Madrid, ES)
Frédéeric Teschner (Montreuil, FR)
Wijtntje Van Rooijen & Pierre Péronnet (NL – FR)

 

 

 

Il volume è sfogliabile da qui:  www.paperideas.it/project16